News

15/05/2019

LO SPRECO ALIMENTARE

di Carla Lertola, medico specialista in Scienze dell’Alimentazione e fondatrice dell’associazione Robin Food

Lo spreco alimentare “colpisce” tutta la catena agro-alimentare, dal produttore iniziale all’utente finale e, pur essendo una delle problematiche più sentite, non ne esiste ancora una definizione universale.

Per quanto riguarda noi-consumatori, per “spreco” si intende tutto ciò che viene comprato, non mangiato e gettato nella spazzatura.

A tutto esiste però un rimedio, ecco infatti alcune – semplici – fondamentali regole anti-spreco da mettere in atto nella propria quotidianità. Basta infatti poco per fare tanto:

  • SCRIVERE UNA LISTA DELLA SPESA: avere con sé una lista mentre si fa la spesa (in base a quello che si cucinerà nei giorni successivi) permette di acquistare solo quanto è davvero necessario e di non “cadere in tentazione” di alimenti inutili che probabilmente non verranno consumati.
  • ESSERE ORGANIZZATI IN CUCINA: l’organizzazione in cucina è di primaria importanza. Pianificare i pasti della giornata e della settimana, decidere in anticipo cosa preparare, riporre gli alimenti in dispensa (e nel frigorifero) in base alla data di scadenza, cucinare “in più” e poi surgelare quello che avanza… sono tutti piccoli trucchi per evitare lo spreco (anche economico)
  • NON ESAGERARE CON LE PORZIONI A TAVOLA: abbondare non è mai un bene, nemmeno dal punto di vista alimentare.
  • LEGGERE LA DATA DI SCADENZA: al supermercato è fondamentale leggere la data di scadenza del prodotto che si sta acquistando. Se siamo certi di consumarlo a breve compriamo quello più prossimo alla scadenza, contribuiremo così a ridurre lo spreco alimentare.

RIUTILIZZARE GLI AVANZI: ciò che avanza dalle nostre tavole non deve essere per gettato bensì riutilizzato per creare nuove ricette (es. frittate, polpette…). Molti piatti della nostra tradizione italiana sono nati per evitare di buttare ciò che non veniva consumato e – non a caso – sono chiamati “di recupero”. Se siete genitori coinvolgete i vostri bimbi, per loro sarà un gioco ma, al contempo, impareranno a non sprecare e a risparmiare.